Dove investire oggi

Oggi il fenomeno dei risparmiatori che voglionoe chiedono come investire i soldi è più frequente, proprio per i tempi duri che si trovano ad affrontare. Non esiste un migliore investimento sicuro, si tratta infatti di una valutazione personale. Tuttavia è opportuno ricordare che se si cerca un investimento sicuro, bisogna valutare il fatto che non si voglia rischiare di fare un investimento errato.

Investire piccole somme

Partendo dal presupposto che si decide appunto di investire piccole somme, si possono ottenere risultati interessanti valutandoli nel tempo anche versando somme irrisorie. Per esempio, si può scegliere un investimento a rate, analizzando questo aspetto. Se si acquistano azioni a rate, si riduce in modo drastico la volatilità delle azioni nel tempo e si risparmia aggiudicandosi dei risultati interessanti a scopo previdenziale.

Puntare nel settore azionario: i consigli di Moneyfarm

Per questo motivo, chi vuole trovare dei benefici economici puntando su alcune strategie, deve puntare sull’azionario. Sono quel tipo di soluzioni che si adattano a coloro che vogliono accumulare. Non solo giovani, che di norma possono avere un orizzonte di medio e lungo termine. Il Moneyfarm, in questo caso, è un esempio per chi vuole investire nel settore azionario. Si tratta di un’azienda italiana che si è affermata nel mondo delle sturt up finanziarie come miglior consulente finanziario indipendente. Secondo l’azienda, appunto, esiste infatti una linea che in soli 5 anni di investimento rende bel 1,22 per cento. È il tipico investimento consigliato alle persone che devono andare in pensione o che hanno bisogno di liquidità a breve scadenza e non hanno la possibilità di assumere dei rischi. È facile da consultare. Attraverso la piattaforma il risparmiatore può scegliere le soluzioni migliori interagendo con un team di esperti, valutando il proprio profilo di rischio.

Valutare la scelta secondo il profilo di rischio

L’aspetto da valutare in ogni caso è la scelta in base al proprio profilo di rischio. Chi non è disposto a rischiare è bene che resti nell’ambito di un conto remunerato, se si considera infatti che le altre forme di investimento sono costose e spesso i bassi ritorni non servono a coprire i costi. Se invece il periodo di riferimento si allunga a dieci o otto anni, si deve tenere conto di non aver bisogno prima della liquidità sino alla scadenza del piano di investimento.

Se si prende come riferimento una somma piccola, quale, per esempio, 100 euro al mese e la si valuta nel corso di un periodo di dieci anni, a partire dal luglio 2007, investendo 11mila euro circa, si arriverebbe oggi alla somma di 18.500 euro. Questo però accettando il rischio senza abbandonare il piano in anticipo, proprio per ottenere un guadagno dall’investimento.

Cos’è Altroconsumo

Altro servizio valido di consulenza è rappresentato da Altroconsumo Finanza, è una storica rivista di settore che aiuta chi vuole costruire un proprio portfolio personalizzato a realizzarlo. Basta registrarsi alla piattaforma gratuitamente, per leggere le analisi di un team di esperti indipendenti.

I rendimenti sono in calo

Intanto bisogna valutare un altro aspetto: i rendimenti sono in calo, soprattutto a causa del Quantitative Easing della Bce. I tempi dei conti deposito, le ultime serie dei buoni fruttiferi postali e i BTP sono finiti perché oggi hanno un rendimento netto più basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *